giovedì 16 marzo 2017

Il rito della farfalla cremisi




L'origine del rituale 2

Fin dalla sua fondazione, gli abitanti del villaggio Minakami, hanno eseguito a cadenza regolare un rito che permettesse loro di vivere in pace ed al riparo dalla minaccia perpetua ed incombente causata dalla porta degli inferi.
Ogni dieci anni circa, questa enorme voragine sotto al villaggio richiede un tributo di sangue e sofferenza che, se non verrà soddisfatto, vedrà avverarsi una maledizione conosciuta come "pentimento" ovvero una notte eterna e maledetta che avvolgerà il villaggio.
Ancora non è chiaro da quanto tempo questa voragine esista; l'unica cosa che riusciamo ad apprendere dagli appunti dello studioso Seijiro è che esso collega il nostro mondo a quello dei defunti e che solo un sacrificio può placare la sua continua sete di sofferenza tendendolo sigillato.

La preparazione della cerimonia

La cerimonia viene presenziata dal sommo sacerdote, da alcuni ristretti fedeli e dagli spiriti in lutto.Quest'ultimi sono gli unici che possono avvicinarsi alla porta degli inferi dato che, per assolvere al loro compito, hanno le palpebre cucite in modo da non osservare la voragine.Chi non ha rispetto per le leggi del villaggio viene "trasformato" in uno spirito in lutto e costretto a vivere il resto della sua vita sottoterra.


Il sacrificio


Il rito della farfalla cremisi deve soddisfare alcune condizioni per avere successo.Prima di tutto devono essere sacrificati degli esseri umani e, in secondo luogo, quest'ultimi devono essere gemelli.
Secondo le tradizioni locali, reperibili nel volume X dello studioso, "le vergini gemelle sono un individuo unico diviso in due parti.Quando si riuniscono , ottengono i poteri di un dio".Il testo continua così : "la sorella anziana deve sacrificare la più giovane e gettarla nella voragine"
A volte, in mancanza di femmine, possono essere usati anche dei maschi che assumono il nome di "guardiani gemelli".

Una volta scelta la coppia si procede quindi a separarla per un tempo indeterminato in modo che possano essere purificate tramite riti minori.Passato il tempo necessario vengono condotte tramite un passaggio sotterraneo nel sottosuolo del villaggio e lì, di fronte agli spiriti in lutto, al gran sacerdote ed ai membri più influenti del villaggio, la gemella più grande strangola quella più piccola.Successivamente gli spiriti in lutto raccoglieranno il cadavere e lo getteranno nella porta degli inferi per garantire al villaggio una breve tregua dalla minaccia della voragine.

Il Kusabi
©2017 VentoeSussurro

Quando la porta degli inferi è impaziente ma le gemelle non sono ancora pronte per essere sacrificate, il sommo sacerdote decide di sacrificare una persona non appartenente al villaggio.
Il sacrificato verrà torturato nella sala delle corde e poi portato di fronte alla voragine permettendo a quest'ultimo di calmarsi.












Nella prossima parte analizzeremo le famiglie più importanti del villaggio, il sommo sacerdote ed il primo rito conosciuto.



Nessun commento:

Posta un commento